Skip to main content

Problemi legati all’umidità del filamento

By Dicembre 22, 2022Ottobre 9th, 2023Bcn3d, filamenti, guida ai materiali, Manutenzione, stampa 3D

Problemi legati all’umidità del filamento

Sottoestrusione, layer shifting, bolle e trasudamento sono tutti problemi legati alla presenza di umidità nel filamento.

Se la bobina non è asciutta, ci si può aspettare una bassa qualità di stampa e modelli fragili.

Vi spieghiamo perché succede, come individuare il problema e come risolverlo e / o prevenirlo.

umidità

Come capire se i filamenti sono bagnati

Per verificare se il filamento è umido è necessario controllare la rugosità del materiale e la presenza di piccole bolle al suo interno. Queste bolle si formano col processo di evaporazione, poiché l’umidità all’interno del filamento crea vapore quando il filamento viene riscaldato.

Un altro segnale che rivela la presenza di umidità sul filamento è il fatto che il materiale continua a trasudare anche dopo che il motore dell’estrusore ha smesso di spingerlo attraverso l’hotend.

umidità

Un indizio meno evidente dei problemi di umidità è la presenza di rumori di sfrigolio o di schiocchi provenienti dall’ugello mentre il filamento viene estruso: significa che il filamento è umido, e quindi la bobina deve essere asciugata.

Cosa succede quando l’umidità viene assorbita dai polimeri?

Tutti i materiali che possono essere stampati con le macchine BCN3D sono polimeri. Questi materiali hanno la tendenza ad assorbire umidità dal loro ambiente, alcuni più di altri, ma tutti lo fanno.

La presenza di umidità nel filamento può causare problemi durante la stampa 3D, specialmente con materiali più idroscopici come PA, TPU, PVA o BVOH. Altri materiali come PLA, PET-G, o ABS possono assorbire umidità dall’aria, anche se in misura minore.

Dunque, cosa succede esattamente quando il filamento è soggetto all’umidità? Perché ha un effetto così rilevante nella stampa 3D?

Formazione di schiuma

La formazione di schiuma è il fenomeno in cui l’umidità catturata evapora quando il filamento viene riscaldato.

In questo caso si formano bolle d’aria nel materiale, e la stampa presenta strisce e bolle, è di cattiva qualità e molto più fragile di quanto desiderato.

umidità
Idrolisi

L’idrolisi è una reazione che avviene quando ci sono molecole d’acqua presenti nella struttura del polimero.

In breve, quando l’acqua viene assorbita dal polimero, ne rompe tutti i legami molecolari secondari, modificandoli in una forma molto più semplice, i monomeri.

umidità

Come asciugare il filamento e conservarlo

Quindi, come si possono risolvere questi problemi di qualità di stampa?

La risposta è semplice. Bisogna asciugare i filamenti e conservarli correttamente.

Per asciugare le bobine si può usare un normale forno preriscaldato, impostandolo a una determinata temperatura per ogni filamento.

Ad esempio, il BCN3D Smart Cabinet offre una soluzione all-in-one per asciugare e conservare i filamenti in perfette condizioni mentre non sono in uso. È specificamente progettato per un utilizzo intensivo e per migliorare l’affidabilità delle stampanti.

umidità

Leave a Reply