fbpx Skip to main content

Il consumo energetico di una stampante 3D

By Settembre 14, 2022Bcn3d, stampa 3D

Dopo il costo del filamento, la spesa più alta di una stampante 3D è l’elettricità, che varia in base al modello della stampante, al tempo di stampa e al materiale utilizzato.

Quanto costa stampare per 1 ora?

Se conosciamo il costo dell’energia per 1 ora, possiamo facilmente calcolare quanto consuma ogni tipo di pezzo in base al tempo di stampa.

Consideriamo la stampante BCN3D Epsilon W50, che consuma un massimo di 840W all’ora. Se ricorressimo a una tecnica con estrusori e PAHT CF15, un filamento il cui punto di fusione è estremamente alto, addirittura a più di 280°, l’importo massimo si aggirerebbe intorno ai 0,21 €/h.

Cos’altro influisce sul consumo energetico della macchina?

L’efficienza energetica di un determinato modello influisce molto sul consumo del macchinario, tant’è che una bassa efficienza aumenta i costi.

Ciascun filamento ha un differente punto di fusione: usare un materiale come il PLA, che fonde a 200°, invece che un materiale come l’ABS, che fonde a 240°, è una scelta più economica.

Una stampa più veloce riduce significativamente il costo energetico finale, ma aumenta il consumo all’ora, dato che le testine di stampa necessitano di più elettricità per aumentare la velocità di esecuzione.

Come ridurre il consumo della stampante 3D?

Seguendo le indicazioni di sotto elencate, è possibile ridurre il consumo energetico fino all’80%:

  • Stampa in modalità duplicazione/specchio: la stampa con due estrusori ,oltre a ridurre il tempo di stampa della metà, riduce significativamente anche il consumo energetico;
  • Stampa con i profili consigliati: utilizzando il software BCN3D Stratos, ogni materiale viene associato a una configurazione differente, studiata appositamente affinché i modelli fuoriescano velocemente;
  • Stampa durante le “ore non di punta”: se devi stampare un modello e non ne hai bisogno immediatamente, si può impostare la stampa in modo che inizi in una “ora non di punta”.

In conclusione, il consumo energetico della tua stampante 3D è un costo da tenere in considerazione, ma non è così alto da essere un impedimento al suo uso.

consumo energetico stampante 3d

Leave a Reply