Skip to main content

Quali sono le novità imperdibili presentate a Formnext 2021?

La produzione additiva si sta muovendo verso l’industrializzazione?

Nonostante sia il tema principale da molti anni, è stato in questo Formnext che abbiamo davvero iniziato a vedere reali applicazioni della stampa 3D per scopi industriali.

Facendo un giro per i padiglioni 11 e 12 è difficile ignorare i trend di quest’anno. In tutto l’area della fiera, enormi stampanti 3D sono disseminate in tutto l’edificio. Non è solo la dimensione a farsi notare ma anche i materiali che sono in grado di stampare.

Questo è ufficialmente l’anno della svolta per quanto riguarda i materiali tecnici. Ogni casa produttrice ha presentato stampanti 3d in grado di produrre parti metalliche o in grado di stampare polimeri tecnici come PEEK, ULTEM o Nylon caricati.

Scopriamo le novità più interessanti di Formnext 2021

RAISE3D

Raise3D si è presentata al Formnext con delle grosse novità:

Innanzitutto ha presentato la nuova serie Pro3. La serie Pro3 include due stampanti 3D a doppio estrusore: la Pro3, con un volume di stampa di 300x300x300mm e Pro3 Plus, con un volume di stampa di 300x300x605mm. Già disponibili in preorder.

Basata sulla pluripremiata stampante 3D E2, l’E2CF è progettata per stampare con materiali rinforzati con fibre ed è ottimizzata per la fibra di carbonio. L’E2CF soddisfa le esigenze di numerosi settori, tra cui quello automobilistico, aerospaziale e sanitario, che hanno bisogno di produrre parti con un elevato rapporto resistenza-peso e prestazioni elevate costanti durante le operazioni a lungo termine. Anch’essa disponibile in preorder.

Ha in più annunciato il lancio del suo RMF500 di grande formato , un sistema FDM per la produzione di piccoli lotti in modo che i clienti industriali dell’azienda possano espandere la propria attività con una stampa rapida e ripetibile di materiali robusti, rigidi, resistenti al calore e agli urti parti finali rinforzate con fibra di carbonio. È stato progettato per soddisfare le esigenze di produzione della produzione di alto livello con tre caratteristiche principali: ripetibilità di produzione accurata, grande volume di stampa e alta velocità e utilizzo di materiali ad alte prestazioni.

Per la prima caratteristica, Raise3D afferma che il robusto RMF500 ha un sistema a motore lineare a basso gioco che può aiutare a ottenere modelli con una precisione di 0,001 mm lungo gli assi X e Y e una precisione di 0,0009765 mm lungo l’asse Z. Dispone inoltre di un controllo sincrono ad anello chiuso da 1μm, che può ridurre le variazioni di velocità al variare del carico del motore. L’RMF500 ha un’area di costruzione di 500 x 500 x 500 mm, può stampare due lavori contemporaneamente con il suo sistema a doppio estrusore indipendente (IDEX) e si dice che raggiunga velocità di stampa fino a 300 mm al secondo. Inoltre, il sistema utilizza esclusivamente un filamento rinforzato con fibra di carbonio che è stato curato per offrire un basso rapporto di restringimento e una maggiore rigidità e non richiede una camera riscaldata, rendendo la stampante molto più efficiente. Il nuovo RMF500 dispone inoltre di quattro cartucce sovradimensionate da 2,5 kg, in modo che possa passare automaticamente da quello principale a quello ausiliario e offrire una stampa non-stop. 

BCN3D

Il produttore di stampanti 3D famose per il sistema di estrusione IDEX  BCN3D ha presentato alla fiera Formnext il suo nuovo Metal Pack con Ultrafuse Metal Filaments di Forward AM in modo che gli utenti delle sue stampanti 3D della serie Epsilon possano facilmente aggiornare il proprio hardware per produrre parti in acciaio inossidabile in modo più economico.

Il pacchetto, che consente di produrre oggetti in metallo che possano competere con le tecnologie CNC e MIM, include bobine di filamenti UltraFuse 316L e 17-4 PH, insieme a hotend esclusivi per la stampa di metalli, Magigoo 316L e i nuovi ugelli in ottone BCN3D per metallo; il deceraggio e la sinterizzazione possono essere completati tramite la rete di fornitori di servizi autorizzati di Forward AM .

La novità più importante è l’add-on che verrà pubblicato per il nuovo software BCN3D Stratos. Questa espansione del software consentirà di ottimizzare l’oggetto per la stampa 3D garantendo la perfetta riuscita dell’oggetto finito.

L’aggiornamento Metal Pack fornirà ai clienti BASF una serie di nuove applicazioni, principalmente nei settori aerospaziale, automobilistico, alimentare, manifatturiero e farmaceutico. Il costo sarà di 1.099,95 euro, tasse escluse, e le prime unità verranno spedite a gennaio del 2022.

 

Inoltre BCN3D fa passi da gigante nella sua strategia software con il nuovo BCN3D Cloud rilasciando una soluzione di livello aziendale incentrata su flussi di lavoro, flotte e gestione dei team ottimizzati, nonché sulla privacy e sulla sicurezza attraverso una serie di 3 diversi piani: Standard, Team e Privato. BCN3D Cloud è compatibile con i finanziamenti relativi al piano industria 4.0

Il piano BCN3D Cloud Standard è incluso per tutti i clienti BCN3D (Serie Epsilon e Sigma D25) ed è ideale per guidare l’adozione della produzione additiva all’interno delle aziende. Le sue caratteristiche principali sono la libreria digitale, la gestione delle code, l’organizzazione e la prioritizzazione dei lavori di stampa e i cluster. Questi consentono agli utenti di raggruppare le stampanti in base a diverse caratteristiche o capacità e visualizzare le statistiche, che forniscono alle aziende un’analisi in tempo reale per intraprendere azioni basate sui dati.

team BCN3D Cloud consentono alle organizzazioni avanzate di amministrare una struttura dipartimentale con ruoli e autorizzazioni personalizzati per i membri. Questo piano include anche la funzione Workflows, che consente la creazione di diversi flussi di lavoro per gestire e controllare il processo di stampa, dalla progettazione al pezzo finale. A seconda del ruolo, alcuni utenti possono aggiungere file al flusso di lavoro mentre altri sono responsabili della gestione del processo di stampa. Il piano Teams sarà disponibile da fine ottobre in poi per un periodo di prova di 3 mesi, quindi 495€ all’anno (595$/anno).

Infine, il BCN3D Cloud Private è un piano on demand dedicato alle aziende che devono essere assolutamente certe del rispetto dei propri specifici requisiti di privacy e sicurezza.

3DGence

3DGence fa sentire la sua presenza nel settore industriale delle stampanti 3D allo stand B119 nel padiglione 12.1. L’azienda ha creato la serie ELEMENT caratterizzata da  due nuove accattivanti stampanti 3D. L’MP260 è ora disponibile in commercio mentre l’MP350 sarà disponibile nel secondo trimestre del prossimo anno. Entrambi i sistemi sono basati su FDM e si uniscono alla tendenza verso l’esecuzione di materiali metallici tramite un processo basato su MIM. A differenza di molte aziende del settore che hanno adottato Ultrafuse di BASF, 3DGence ha la sua “ricetta segreta” che l’azienda mi dice rimuove alcune restrizioni del materiale BASF.

3DGence MP260 e MP350 stampanti 3D FDM per stampe in metallo

Questa nuova serie andrà ad aggiungersi alla già pluripremiata serie INDUSTRY ovvero stampanti 3d adatte a stampare polimeri ad alte prestazioni come PEEK o ULTEM.

3DGence non ha ancora rilasciato le specifiche ufficiali per le sue nuove stampanti, ma abbiamo alcune informazioni su di esse. Innanzitutto, ELEMENT MP260 è un sistema industriale in metallo di medie dimensioni, progettato come una scelta più conveniente per le aziende che effettuano la produzione con metodi di stampaggio a iniezione di metalli (MIM) da utilizzare durante la prototipazione dei prodotto. Il pacchetto comprende la stampante stessa, la stazione di debinder e di sinterizzazione, e lavorerà due materiali principali, incluso l’acciaio inossidabile 316L.

La serie ELEMENT  è stata specificamente progettata per aiutare le aziende che utilizzano la tecnologia Metal Injection Moulding per abbassare i costi di produzione in fase di prototipazione.

Questa nuova serie ELEMENT verrà lanciata il mese prossimo, a partire dall’MP260, così come la versione MP260X, che viene fornita con un sistema di estrusione migliorato, uno slot del materiale appositamente progettato, un ugello temprato avanzato con sistema di rilevamento del materiale e funzionerà con la maggior parte dei filamenti di sinterizzazione che sono utilizzati nell’odierna tecnologia MIM.

La seconda nuova stampante che 3DGence ha presentato in anteprima a Formnext questa settimana è ELEMENT MP350, che presenta un volume di stampa maggiore rispetto a MP260, oltre a una gamma di materiali più ampia, una maggiore produttività e funzioni di sicurezza avanzate.

La vera rivoluzione di Formnext 2021 la stanno facendo le tradizionali aziende FDM come 3DGence, BCN3D e Raise3D  che stanno entrando nel settore industriale producendo stampanti in grado di estrudere filamenti metallici. Nel caso di BCN3D, l’azienda spagnola utilizza i filamenti metallici Ultrafuse di Forward AM . Mentre 3DGence offre i propri materiali. Inoltre, ha introdotto stampanti 3D completamente nuove per gestire il materiale, rendendole più simili alle offerte di Markforged e Desktop Metal. Indipendentemente da ciò, sembra che la stampa 3D in metallo a basso costo si stia il tema più importante di Formnext 2021.

Questa è una buona nuova direzione per 3DGence e in generale per tutte le aziende produttrici che si stanno interessando al mondo della produzione di parti di ricambio in metallo e non sulle parti metalliche stesse. Secondo SmarTech Analysis , i ricavi dei sistemi hardware AM in metallo sono aumentati del 35% nel primo trimestre del 2021 e hanno solo continuato a salire, e la previsione è che il mercato AM in metallo raggiungerà i livelli pre-pandemia entro la fine di quest’anno.

Il nuovo ELEMENT MP350 sarà lanciato dopo l’MP260 e l’MP260X, nel primo trimestre del 2022. I preordini per queste nuove stampanti 3Dence 3D inizieranno a gennaio 2022.

Leave a Reply