Skip to main content

BVOH Vs PVA – Guida avanzata ai filamenti per la stampa 3D

BVOH o PVA cosa è meglio scegliere?

In questo articolo spiegheremo le differenze tra i materiali idrosolubili

E' nato prima il PVA o il BVOH?

PVA o polivinilacetato è la scelta più diffusa quando si tratta di supporti solubili. È anche il primo materiale solubile è apparso sul mercato. Tuttavia, la nascita di nuovi materiali di stampa 3D e la conseguente insorgenza di problematiche di stampa ha portato alla creazione di nuovi materiali solubili che tentino di risolvere maggiormente questi problemi. Uno di questi è BVOH, un copolimero di alcol vinilico con alcune caratteristiche che lo rendono compatibile con molti più materiali.

Dissolubilità

La caratteristica peculiare di questi materiali è la possibilità di scioglierli in acqua. Ma la prima differenza tra loro è che il BVOH si dissolve molto più velocemente in acqua rispetto al PVA. I resti lasciati nella stampa sono anche inferiori col BVOH.
Puoi controllare questo timelapse di BCN3D sul tempo di dissoluzione di entrambi i materiali in acqua.
E' necessario considerare che la temperatura dell'acqua influenza i tempi di dissoluzione.

Compatibilità con altri materiali

È vero che il PVA è uno dei materiali più comuni nella stampa 3D. Tuttavia, questo non significa che sia compatibile con i materiali più utilizzati. ABS, PET-G e Nylon sono esempi di materiali con cui il PVA non è compatibile. BVOH d'altra parte è compatibile con quasi tutti i filamenti.
Puoi verificare le differenze di compatibilità tra i due materiali nella tabella seguente:

Capacità di assorbimento dell'umidità e degradazione

Tutti i materiali idrosolubili hanno una grande capacità di assorbire l'umidità e di degradarsi nel tempo. A seconda del materiale, la velocità può cambiare drasticamente.
Il PVA ha una grande capacità di assorbimento dell'umidità a causa delle sue proprietà termiche, si degrada facilmente quindi è sconsigliato per lunghi tempi di stampa. BVOH ha anche una grande velocità di assorbimento ma poiché ha una grande tolleranza alle alte temperature si degrada meno. Può essere fino a due giorni di stampa senza problemi in modelli di stampanti 3D con porta bobine come il boundle S5 di ultimaker o la BCN3D Epsilon.
Si consiglia di asciugare preventivamente entrambi i materiali di supporto garantendo i migliori risultati ed evitando qualsiasi tipo di problema legato all'umidità.

Capacità di assorbimento dell'umidità e degradazione

La differenza principale tra BVOH e PVA sta nella propria stampabilità e nel prezzo. Il PVA è di solito più economico, ma è più soggetto all'intasamento degli ugelli. Anche se entrambi i filamenti mostrano un'adesione superficiale di stampa inferiore, BVOH aderisce un po' meglio del PVA.
Uno dei problemi principali del PVA è lo stringing, che intasa facilmente gli hotend e può causare sottoestrusione. Ciò rende la stampa PVA davvero difficile se si considera ogni parametro di stampa come il tempo di stampa o la sua umidità.
In questo caso, BVOH è migliore del PVA a causa della bassa probabilità di incordatura che facilita l'estrusione, poiché non è necessario modificare alcun parametro per risolvere questo problema e garantire che l'hotend non si intasi.

Pro

1. Ottimi materiali di supporto solubili in acqua
2. Non sono necessari solventi speciali per scogliere i supporti
3. Facili da stampare
4. Permettono di realizzare geometrie complesse
5. Garantisce una finitura superficiale uniforme su tutto l'oggetto
6. Bassa temperatura di stampa
7. BVOH & PVA sono materiali atossici e biodegradabili

Contro

1. Sensibile all'umidità
2. Necessario stoccaggio in ambiente deumidificato
3. Prezzo elevato
4. Utilizzabile solo con stampanti multi-materiale

Leave a Reply