was successfully added to your cart.
Category

Uncategorized

3d Gence Double P255

By | iperammortamento, stampa 3D, Uncategorized | No Comments

3D Gence Double P255

Ciano Shapes è diventato rivenditore ufficiale 3DGence

Abbiamo provato la nuova 3DGence Double P255.

Stampante FDM ad uso professionale con doppio estrusore sviluppata per stampare oggetti complessi grazie alla possibilità di utilizzare supporti solubili.

La  Nuova P255 della DOUBLE oltre ad uscire sul mercato con un prezzo inferiore rispetto alla precedente versione (2950 Euro + Iva) monta hotend migliorati in grado di stampare materiali tecnici e viene venduta compresa di cover.

3DGence DOUBLE P255

Informazioni generali su 3DGence DOUBLE P255

La 3DGence DOUBLE è una stampante compatta e robusta adatta a chi necessita stampe di qualità e precise. Monta un doppio estrusore ed è in grado di lavorare con quasi tutti i materiali presenti sul mercato.

Attualmente oltre a poter stampare in PLA, PET, PP, Nylon, ABS, filamenti flessibili è in grado di effettuare stampe a doppio materiale e le combinazioni possibili sono: PLA + BVOH, PET + BVOH, PP + HIPS, NYLON + HIPS,  SMART ABS + HIPS.

Stampe con filamento solubile

Una delle caratteristiche principali della 3DGence Double P255 è la possibilità di stampare con materiali solubili in acqua. Uno dei vantaggi che permette la stampa con materiali solubili è la facilità di rimozione dei supporti che quindi possono essere posizionati in punti del modello che sarebbero altrimenti troppo complessi da rimuovere. I supporti solubili, una volta disciolti, non lasciano segni sul modello finito.

Stampare in 3D con questi materiali permette la creazione di modelli complessi come il seguente:

Nuovi hotend migliorati

Le caratteristiche della nuova 3DGence DOUBLE P255 sono pensate per incrementare le potenzialità della stampa 3D. Come già detto la Double P255 monta un doppio estrusore che rende possibile la stampa a più materiali. Gli hotend si possono togliere velocemente senza utilizzare alcuno strumento.

A tutti è capitato che durante la stampa di un modello finisse il filamento. Ciò significa una perdita di molte ore di stampa e grandi quantità di materiale. La DOUBLE P255 monta un sensore di fine filo che è stato progettato per mettere automaticamente in pausa la stampante in caso di mancata rilevazione del filo. Questa caratteristica permette all’utente di caricare del nuovo materiale e di continuare a stampare senza perdere tempo e materiale. Inoltre questo sensore verifica e monitora il flusso di estrusione.

3DGence dOUBLE P255

Autocalibrazione del piano a 500 punti

Il processo di calibrazione della DOUBLE P255 è automatico a 500 punti sul piano di stampa. Il processo richiede circa 10 minuti di tempo. Il piano di stampa in ceramica grazie alla sua porosità aumenta l’adesione degli oggetti.

3DGence P255

3DGence DOUBLE P255

La nuova Zortrax Inkspire

By | iperammortamento, stampa 3D, Uncategorized | No Comments

Zortrax Inkspire

Zortrax ha recentemente messo in commercio una nuova stampante 3D, la Inkspire, ampliando la sua linea di stampanti con una nuova tecnologia di stampa.

Difatti la Zortrax Inkspire è una stampante a resina con tecnologia UV LCD.

Zortrax Inkspire è  8 volte più veloce e 9 volte più precisa della migliori stampanti SLA

La qualità superiore delle stampe a resina

La tecnologia racchiusa nella Zortrax Inkspire si affida a uno schermo LCD ad alta risoluzione retroilluminato a led UV

Precisione Microscopica

Il più piccolo oggetto che la Zortax Inkspire può stampare è un cuboide di 50x50x25 microns

Velocità costante

La stessa velocità di 20-36 mm/h è mantenuta indipendentemente da quanto spazio di lavoro viene occupato

Resine

Tutte le resine che possono essere trattate con luce a 405 nm di lunghezza d’onda sono supportate

Settaggi

Tutte le impostazioni di stampa come il tempo d’esposizione del layer o di riposo tra i layer possono essere cambiare in corso di stampa

Stampa

Tecnologia UV LCD
Pixel size 50 microns (0.05 mm)
Layer 25, 50, 100 microns
Velocità di stampa 20-36 mm/h

La stampante

Volume di costruzione 74 x 132 x 175 mm (2.9 x 5.2 x 6.9 in)
Supporti da rimuovere meccanicamente – stampati con lo stesso materiale del modello
Luce UV integrata (lunghezza d’onda 405 nm)
Connectività Wi-Fi, Ethernet, USB
Operating system Android
Processore Quad Core
Touchscreen 4″ IPS 800 x 480
Materiali disponibili Zortrax Photopolymer Resin Basic
Materiali esterni Supportati

Software

Software bundle Z-SUITE
Supported file types .stl, .obj, .dxf, .3mf, .zcodex

Temperature

Ambient operation temperature
20 – 30° C (68 – 86° F)
Storage temperature
0 – 35° C (32 – 95° F)

Elettricità

AC input
110 V ~ 5.9 A 50/60 Hz 240 V ~ 2.5A 50/60 Hz
Maximum power consumption
50 W

Nella scatola

3D Printer, Z-SUITE, Starter Kit, Zortrax Photopolymer Resin Basic (500 ml)

Produzioni seriali

Zortrax Inkspire opera ad una velocità costante mantenendo un’ottima precisione di stampa indipendentemente a quanto spazio di lavoro viene usato. Con una stampante che crea 50-80 parti in 1h e 30min, 30 stampanti che lavorano insieme possono offrire approssimativamente una produzione mensile dalle 360.000 alle 500.000 parti. Per questo Zortrax Inkspire può lavorare come unità di base in Farm per produzioni in piccola scala.

Resine compatibili

Zortrax Inkspire lavora con resine proprietarie e supporta anche resine esterne che trattabili con una luce a 405nm di lunghezza d’onda.

Resina base Zortrax

Zortrax Resin Basic  è un fotopolimero ottimizzato per essere specificatamente utilizzato con Zortrax Inkspire. Garantisce estrema precisione e ottime proprietà meccaniche.

Resine esterne

Le resine esterne compatibili con Zortrax Inkspire includono fotopolimeri speciali progettati per applicazioni nelle protesi dentali o nella progettazione di gioielli.

Visita la nostra pagina Zortrax per maggiori informazioni.

Le Nuove Raise3D Pro 2 e Pro 2 Plus

By | iperammortamento, stampa 3D, Uncategorized | No Comments

RAISE3D SERIES Pro2 / Pro2 Plus

Stampanti professionali pronte per essere utilizzate a livello industriale per la produzione in piccole serie.

Con l’uscita della nuova serie Pro 2 Raise3D ha implementato una serie di caratteristiche importanti che la rendono a tutti gli effetti una stampante 3D adatta ad essere utilizzata a livelli industriali per la produzione in piccole serie.

I modelli Pro2 e Pro 2 Plus differiscono solo per dimensioni: la prima ha un volume di stampa di 305X305X300 mm mentre la seconda di 305X305X600

Specifiche tecniche

Pro 2

STAMPANTE

Volume di stampa (W×D×H): 305×305×300 mm
Dimensioni della macchina (W×D×H): 616×590×755 mm
Testina di stampa: Doppio estrusore con sistema elettronico di sollevamento
XYZ risoluzione: 0.78125, 0.78125, 0.078125 micron
Velocità di stampa: 30 – 150 mm/s
Piano di stampa: Piano in alluminio riscaldato a tenuta magnetica, Max. temp. 110 °C
Calibrazione del piano: Pre calibrato dalla casa
Materiali supportati: Nylon, PLA, ABS, PC, TPU 95A, PP, PVA, PETG, Filled, PLA, Filled Nylon
Diametro del Nozzle : 0.2/ 0.4/ 0.6/ 0.8mm
Max Temp. Nozzle: 300 ºC
Connettività: Wi-Fi, LAN, USB port
Monitoraggio: Live camera

SOFTWARE
Slicing Software: ideaMaker
File supportati: STL, OBJ

CONTROLLER DELLA STAMPANTE
Interfaccia:  Touch screen 7 pollici
Ripresa della stampa a seguito di interruzione di corrente: Seconda Generazione
Porte: Sdcard*1, Usb2.0*2, Ethernet*1

Pro 2 Plus

STAMPANTE

Volume di stampa (W×D×H): 305×305×600 mm
Dimensioni della macchina (W×D×H):616×590×1107 mm
Testina di stampa: Doppio estrusore con sistema elettronico di sollevamento
XYZ risoluzione: 0.78125, 0.78125, 0.078125 micron
Velocità di stampa: 30 – 150 mm/s
Piano di stampa: Piano in alluminio riscaldato a tenuta magnetica, Max. temp. 110 °C
Calibrazione del piano: Pre calibrato dalla casa
Materiali supportati: Nylon, PLA, ABS, PC, TPU 95A, PP, PVA, PETG, Filled, PLA, Filled Nylon
Diametro del Nozzle : 0.2/ 0.4/ 0.6/ 0.8mm
Max Temp. Nozzle: 300 ºC
Connettività: Wi-Fi, LAN, USB port
Monitoraggio: Live camera

SOFTWARE
Slicing Software: ideaMaker
File supportati: STL, OBJ

CONTROLLER DELLA STAMPANTE
Interfaccia:  Touch screen 7 pollici
Ripresa della stampa a seguito di interruzione di corrente: Seconda Generazione
Porte: Sdcard*1, Usb2.0*2, Ethernet*1

Case studies – Stampa 3D nella Fotografia

By | stampa 3D, Uncategorized | No Comments

In questo interessante “case history” Zortrax con la sua M200 si mette in gioco modellando e stampando un diffusore flash.

L’obbiettivo era quello di stampare un diffusore customizzabile per ogni macchina fotografica con prestazioni molto simili a quelli che si possono trovare sul commercio.

I materiali utilizzati sono Z-HIPS per le sue caratteristiche meccaniche e di resistenza e Z-GLASS per la traslucenza.

I pezzi sono stati stampati con uno spessore di 0.19 per layer, in 2 ore per il diffusore più piccolo e 10 ore per quello più grande.

Il risultato finale dimostra che la stampa 3D non solo è adatta al campo della fotografia ma permette di creare componenti personalizzati che non sarebbe possibile ottenere in nessun altro modo in tempi brevi ed economicamente.

case studies – stampa 3D per l’architettura

By | stampa 3D, Uncategorized | No Comments

Nel campo architettonico i rendering non sono sufficienti per mostrare il proprio operato a un cliente. Molto spesso viene richiesto di creare un modello fisico del progetto e solitamente la costruzione di questi modelli richiede giorni ( e notti) di lavoro.

La stampa 3D può essere utilizzata come tecnica alternativa ai tradizionali metodi di realizzazione. Infatti permette di ricreare precisamente e velocemente modelli complessi.

Case studies – Il colosso dell’elettronica Bosh e la stampa 3D

By | iperammortamento, stampa 3D, Uncategorized | No Comments

Molte aziende italiane non prendono in considerazione l’implementazione all’interno del processo produttivo delle tecnologie additive perchè nonostante siano già da tempo presenti sul mercato fanno parte di un mondo ancora sconosciuto in quanto a potenzialità. La stampa 3D permette, tra le tante cose, di velocizzare ed economizzare il processo di prototipazione e di realizzazione di parti di ricambio.

Come case history quello di Bosh, colosso nel mondo della tecnologia, che ha iniziato ad utilizzare la stampa 3D in un suo stabilimento in Francia a Mondeville.

Le estremità dei robot di Bosh impegati nella linea di produzione sono soggette ad usura e rottura frequenti. I costi di riparazione si aggirano intorno ai 450 Euro per kit. Grazie alle stampanti Zortrax è stato possibile riprodurre le estremità con un materiale più resistente ed economico abbattendo così i costi e i tempi di fermo delle macchine.

Grazie all’implementazione della tecnologia 3D Bosch ha potuto prolungare la vita dei componenti utilizzati per testare le funzionalità dei prodotti e ridurre i costi derivati dall’usura di questi ultimi risparmiando 80.000 Euro annui.